Gli occhi comunicano, ma solo se li curerai adeguatamente potranno esprimersi al meglio!

Borse e occhiaie conferiscono un’aria stanca, si sa. Migliora la microcircolazione per rimediare a questo inconveniente.

Le borse sono spesso causate da ritenzione idrica, ecco perchè un leggero linfodrenaggio (simile a quello che si fa per combattere la cellulite) potrebbe rivelarsi utilissimo. Ogni sera, quando applichi la crema sul contorno occhi,  prova a stenderla con sfioramenti leggeri; inizia dalla zona vicino al naso e prosegui verso l’esterno. Continua il movimento andando verso l’alto, per poi tornare alla posizione iniziale. Con questo esercizio solleciterai i muscoli, tonificandoli.

Le occhiaie scure sono invece sintomo di cattiva circolazione. Ripristinala con la ginnastica! Fai ruotare ogni giorno gli occhi, molto lentamente, in basso, a destra, a sinistra e in alto per una decina di volte. La sera decongestiona lo sguardo applicando un’apposita mascherina rinfrescante riempita con acqua e tenuta precedentemente in frigorifero.

Se il contorno occhi è segnato da rughe corri ai ripari! Il freddo può aumentare i segni del tempo, prima che arrivi la stagione invernale sostituisci i prodotti in gel (ideali per i mesi caldi) con creme ricche in grado di riparare la pelle dagli sbalzi di temperatura. Quando lavi il viso spruzza la zona solo con acqua fresca. Evita il sapone; inaridisce il contorno occhi. Scalda un po’ di crema tra le mani e applicala con la punta delle dita partendo dalle palpebre fino ad arrivare alle parti esterne; poi sotto, verso l’interno. Picchietta infine la zona occhi con i polpastrelli, dall’attaccatura del naso verso l’esterno.

Vivere le giornate in perenne stato di irritabilità e tensione rovina umore e salute! Angosce più o meno motivate e costanti pensieri negativi, possono impedirci di vivere serenamente, trasformando tranquilli momenti, da semplici  ed appaganti, a stressanti e soffocanti. Questi campanelli d’allarme dovrebbero essere sufficienti per farci mettere all’opera, aiutando noi stessi… e chi ci sta attorno. Il profondo stato d’ansia, talvolta, può divenire così  forte da richiedere l’intervento di psicoterapeuti o farmaci idonei. I gesti di routine appaiano improvvisamente faticosi: svegliarsi la mattina col sorriso sulle labbra; rilassarsi godendosi attimi sereni con gli amici; distrarci dai pensieri negativi, diventa impossibile. L’opprimente sensazione di  “nube nera” appare all’improvviso, per cose, talvolta, molto meno gravi di come ci appaiono.

Combattere stati di angoscia e apprensione è possibile. La fitoterapia, ovvero l’arte antichissima di curarsi con le piante, si occupa anche di questo. La passiflora, o “fiore della passione”, grazie alle sue virtù rilassanti e distensive, risulta essere un ottimo rimedio contro l’ansia.  Non crea sonnolenza, allontana l’insonnia. La si può trovare in erboristeria sottoforma di gocce, capsule o tisana. Anche il biancospino aiuta a contrastare i danni causati dallo stress. E’  particolarmente indicato per chi,  staccando dal lavoro e dalla frenesia, non è in grado di rilassarsi, divenendo ansioso e nervoso. La melissa aiuta invece gli individui vulnerabili e sensibili, costantemente preoccupati. Anche la lavanda, usata come essenza per profumare olii, ambienti, creme ecc. vanta notevoli proprietà rilassanti. Lo stress non fa mai bene!  Rovina le giornate vostre e di chi vi sta vicino, sorridete il più possibile alla vita, pensate positivo!

E’ noto a tutti come sia inutile e stressante sia per il fisico che per la mente sottoporsi a diete drastiche e inadeguate, per perdere peso di netto e poi riprenderlo immediatamente, anche sovraccaricato di qualche chilo in più…

E’ noto anche quanto faccia bene l’attività fisica, anche se non effettuata in palestra, ma fatta di lunghe passeggiate a passo sostenuto.

L’alleato migliore contro l’ipercolesterolemia (vedi wikipedia.it), rimane sempre una corretta alimentazione, da seguire quotidianamente come lotta al colesterolo e quindi ai problemi cardiaci che se possono conseguire.

Mangiare 3-4 volte a settimana il pesce azzurro (sardine, alici, pesce spada, sgombro, tonno ), che peraltro è il più economico, tiene il colesterolo sotto controllo e arricchisce il nostro organismo di omega3, che, per il cuore e il cervello è fondamentale.

Crostacei e molluschi sono già più ricchi di colesterolo e, pur non facendo male come un insaccato, sono da utilizzare meno rispetto al pesce appena citato.

Le altre regole da seguire per tenere il colesterolo più lontano possibile dal nostro organismo è evitare tagli di carne grassi, insaccati, cibi in scatola o surgelati già pronti (perché contengono troppo sale), per prediligere quindi carni bianche e tagli di carni magre.

La frutta e la verdura devono fare parte della nostra alimentazione quotidiana e non devono mai mancare quando abbiamo voglia di uno spuntino, che nelle migliori diete è obbligatorio a metà mattino e metà pomeriggio, per evitare di placare la nostra fame con merendine e panini farciti con qualunque salsa o schifezza possibile.

Evitate strutto e burro e preferite poco olio extravergine di oliva.

Usate poco sale e sceglietelo iodato.

Un’altra regola fondamentale per fare funzionare tutto ciò, è fare uno strappo alla regola una volta alla settimana (magari se uscite il sabato sera potete mangiare un fritto con gli amici), in modo da alleggerire il peso di una dieta sì regolare ma per qualcuno troppo ferrea.

Acque,fanghi,massaggi. Incantevoli passeggiate, per rilassarsi e fuggire dallo stress. Ma anche per curare tanti piccoli problemi. Quando vi sentite stanche,stressate e fuori forma; è il momento giusto per trovare un po’ di tempo per sè stessi. E allora donne regaliamoci, anzi facciamoci regalare una bella pausa di qualche giorno in un bellissimo centro benessere, senza telefonino,computer e soprattutto senza stress. In questi centri ci possiamo purificare e nutrirci, in tutta tranquillità. Si fanno esercizi di tonificazione che aumentano un ottimo senso di benessere. Il posto deve essere super accogliente e poi ancora più speciale se il personale è gentile e qualificato. Ci sono piscine termali con idromassaggi e hydrobike,saune,bagno turco,massaggi antistress e lettini abbronzati.

Alla fine è come se foste andate a farvi un bel viaggio in qualche paese caldo, e invece siete in un centro benessere magari anche vicino a casa. Ma tornerete a casa come nuove,e soprattutto rilassate. Sarebbe speciale, se anche il nostro maritino venisse con noi, Passerebbe anche lui piacevoli momenti rilassanti, ci sono trattamenti anche per uomo,oppure quei percorsi per due. Direi un ottima idea per un week-end all’insegna del relax. Recentemente il termine “Spa” si è diffuso per indicare le stazioni termali o in generale aziende che forniscono cure idroterapiche o in generale servizi di benessere e cura del corpo. Oggi le aziende Spa offrono non solo trattamenti termali, balneoterapici e idroterapici ma anche un grande spettro di servizi (ad esempio massaggi, sauna, bagni turchi eccetera) per la salute e all’armonia del corpo e della mente

I fibromi smettono di crescere dopo la menopausa perchè l’esaurimento della produzione ovarica di estrogeni ne riduce progressivament il volume. Se poi la donna desidera iniziare una terapia ormonale sostitutive, per combattere i sintomi menopausali e proteggere la propria salute, il medico saprà indicare il trattamento che abbia il minore effetto possibile sul fibroma. Per quanto riguarda sterilità e gravidanza, la pericolosità del fibroma dipende dall’età della donna, dalla sede e dalle dimensioni, e dal fatto che sia unico e multiplo. Può causare difficoltà di concepimento quando è localizzato vicino all’inserzione delle tube. Se è sottomucoso, può determinare aborti precoci, malposizioni del feto e difficoltà di accrescimento del bambino. Quando i fibromi sono multipli, o posto sotto l’inserzione della placenta, possono provocare parti prematuri. Se il fibroma è previo, cioè si accresce verso il collo dell’utero, può essere indicato il cesareo di elezione. C’è da considerare che se il fibroma sottosieroso è anche peduncolato e va incontro a una torsione spontanea, può provocare improvvisamente tutti i sintomi di un addome acuto; in questo caso bisogna procedere immediatamente alla rimozione chirurgica. Attenzione alla familiarità. I fibromi sono caratterizzati da unelevato grado di familiarità.

Se madre, zie o nonne hanno avuto fibromi, è opportuno: fare un’ecografia di controllo annuale; utilizzare un contraccettivo fichè non si desiderino figli: gli studi dimostrano che cinque anni di contraccezione riducono del 50% il rischio di sviluppare un fibroma. Meglio pillole a basso dosaggio e a dominanza progestinica; anche quando ci sa già un fibroma, continuare contraccetivo o progestinico finchè non si voglia un figlio; no nrimandare la prima gravidanza oltre i 30 anni; se si desidera un secondo figlio, cercarlo subito dopo lo svezzamento del primo.

Sono sempre più convinta, che la chirurgia estetica al giorno d’oggi sia una cosa ormai quotidiana, nel senso che non ci si pongono più troppi problemi per mettersi sotto i ferri di medici che alcune volte non sono neanche specializzati, e nelle occasioni peggiori neanche medici.

Questo può essere un problema, ma penssare di poter avere un seno da far invidia al mondo intero o delle labbra carnose, o un fisico mozzafiato, diciamo che fan pensare poco alla realtà della cosa.

Molte donne, soprattutto famose ,che sono in prima linea a favore delle chirurgia estetica,anche perchè hanno più possibilità in senso finanziario; si danno alla pazza gioia almeno una volta all’anno tra punturine viarie e i più svariati interventini.

Ma c’è qualcuno a sfavore nel mondo di oggi???

Si per fortuna si, altrimenti poveri uomini avrebbero al loro fianco sempre di più donne di plastica e non naturali. Purtroppo ci sono uomini a cui piacciono questo genere di donna non naturale, e se devo essee sincera un po mi fanno pensare. Se proprio vuoi una donna di plastica, comprati una bambola gonfiabile che ti costa anche meno.

Però sono convinta che per fortuna oggi ci sono ancora uomini che apprezzano la donna per quello che è, con tutto ciò che ha di bello ma anche con i suoi difetti. In fondo anche loro,gli uomini,non sono perfetti.

E appunto per questo che in questi ultimi anni anche gli uomini si danno alla chirurgia, o comunque a cure estetiche che li rendano più belli,per poter assomigliare sempre di più a noi donne. Ma in che mondo andremo a finire?

Quante donne desidererebbero un seno più sodo e tonico? Ma quante sono disposte a sottoporsi ad un vero e proprio intervento chirurgico?

Si sa, le “operazioni” fanno sempre un po’ paura e poi se non sono “necessarie” e fondamentali perché mai dobbiamo essere noi a scegliere di “andare sotto i ferri”?

Da oggi avere un seno più tonico è bello è possibile anche senza ricorrere alla chirurgia estetica.

Infatti, l’ultima novità della medicina estetica volta al ringiovanimento del seno si chiama “elettroporazione”.

Essa consiste nel far scorrere sulla pelle del seno un manipolo che crea dei leggeri impulsi elettrici permettendo di far entrare nella cute alcune sostanze cosmetiche o farmacologiche scelte ad hoc dal medico specialista in base a quelle che sono le esigenze della paziente.

Il trattamento è assolutamente indolore e consente ai tessuti di contrarsi in modo da risultare poi tonificati.

I primi risultati sono visibili dopo 6-8 sedute ed il costo per ognuna è di 150 euro circa.

Inoltre esiste un altro trattamento svolto tramite un macchinario chiamato Aura Light.

Quest’ultimo emette due particolari lunghezze d’onda prodotte da LED e ha il compito di riattivare l’attività delle cellule sia in profondità che sulla superficie cutanea.

In questo caso i risultati sono visibili già dopo la prima seduta ma è opportuno, soprattutto per mantenere i risultati, sottoporsi ad un trattamento di almeno 8-10 sedute da suddividere bene in altrettante settimane.

Qualche consiglio più economico e individuale? Sicuramente evitare sbalzi di peso: ad esempio dimagrire velocemente rovina il tono dei tessuti. Inoltre bisogna sapere che esistono alcuni alimenti che hanno un vero e proprio effetto tonificante sul decolletè, tra questi: carne, uova, pesce e tutti gli alimenti ricchi di proteine.

Per mantenersi in forma, non è un mistero che una regolare attività fisica e una sana alimentazione sono le chiavi per un corpo snello e tonico.

In vista dell’estate si vuole raggiungere in men che non si dica una linea perfetta dopo gli stravizi che fino a Pasqua ci hanno tormentato!

Si è sempre in tempo per perdere peso, ricordandosi però di non “strafare” e cioè non eliminare del tutto alcuni alimenti, come si tende erroneamente a fare, tipo l’olio o tutti i carboidrati: niente di più sbagliato perchè la chiave per dimagrire bene è un’alimentazione varia e completa ma senza esagerazioni!

Inoltre, molto spesso ci si vede più grassi di quello che in realtà si è: un modo semplicissimo e veloce per calcolare quanto e se siete in sovrappeso è il BMI (Body Mass Index o Indice di Massa Corporea).

Con una semplicissima operazione capirete quanto dovrete dimagrire: BMI= peso/altezza2 (il vostro peso in kg diviso la vostra altezza espressa in metri, al quadrato).

Confrontando il risultato ottenuto con quelli della tabella riportata di seguito, capirete velocemente quanto dovrete dimagrire a seconda della classe in cui rientra  il vostro risultato.

Situazione peso           Min        Max

Obeso classe III =     40,00

Obeso classe II           35,00       39,99

Obeso classe I             30,00       34,99

Sovrappeso                  25,00       29,99

Regolare                        18,50       24,99

Sottopeso                      16,00       18,49

Grave magrezza                           <16,00

Sta per essere pubblicato un decreto legislativo che impone ai centri estetici,  a chi usa le lampade solari e a chi produce questi dispositivi di non utilizzare  lampade solari sui  minori di 18 anni.

Perchè?

L’obiettivo è limitare  il ricorso all’abbronzatura artificiale che sta diventando  una vera e propria moda tra i giovanissimi e  rischia di causare danni alla pelle e aumentare il rischio di melanoma.

Il   Ministero della Salute e dello Sviluppo Economico  hanno elaborato nuove schede tecniche relative all’utilizzo di un gran numero di dispositivi (oltre alle lampade abbronzanti sono interdetti ai minori anche gli apparecchi anti cellulite e la luce pulsata) al fine di contrastare l’aumento dei melanomi.

Secondo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro i lettini abbronzanti sono classificati come CANCEROGENI e l’OMS infatti sconsiglia di farne uso a tutta la popolazione.

Nel decreto sono inserite anche norme che riguardano il comportamento che devono tenere i centri estetici, i possessori di apparecchiature estetiche e i produttori. Essi  devono informare il cliente dei possibili danni che possono procurare le lampade, sconsigliarne l’utilizzo  a soggetti che hanno molti nei, a chi ha la pelle chiara, a chi è predisposto all’eritema, alle donne incinte e a persone che hanno sofferto di tumori.E’ essenziale raccomandare a tutti di non esporsi al sole nelle 48 ore successive .I produttori, invece, devono depotenziare i nuovi apparecchi.

Secondo uno studio condotto dall’Irccs Fondazione Santa Lucia di Roma, pubblicato su Human Brain Mapping la cultura giova alla salute e previene il declino cognitivo legato all’invecchiamento.

Sono state esaminate 150 persone in buona salute di età compresa tra i 18 e i 65 anni.

A tutti i soggetti è stata effettuata una speciale risonanza magnetica, chiamata Diffusion Tensor Imaging, capace di misurare anche le più impercettibili variazioni strutturali dei tessuti cerebrali.

Le persone con un più elevato grado di istruzione hanno mostrato una maggiore compattezza della struttura dell’ippocampo, la zona del cervello deputata al recupero dei ricordi di lunga durata che è la prima area ad essere colpita nelle prime fasi del morbo di Alzheimer.

QUALI SONO STATE LE CONCLUSIONI?

Studiare e stimolare la mente allena il cervello e lo mantiene giovane.

E’ necessario però associare allo studio attività che stimolano la mente da svolgere durante il giorno o nel tempo libero. Questo mix dovrebbe garantire una maggiore salute e longevità delle abilità cognitive.